Proprietà Oppioidi nel Grano = Origini di Agricoltura = Soggiogazione

Non esiste un modello generalmente accettato per spiegare l'origine dell'agricoltura. Perché i cacciatori-raccogliatori hanno iniziato a coltivare se erano in grado d'ottenere la stessa quantità di cibo più sano con meno lavoro che permetteva condizione di salute superiore?
(I cacciatori-raccogliatori erano più sani degli agricoltori primitivi ed erano meno inclini a carestia -Lee & DeVore 1968, Cohen 1977, 1989).

 Recenti scoperte di sostanze potenzialmente psicoattive di alcuni prodotti agricoli - cereali e latte - suggeriscono un'ulteriore prospettiva sull'adozione dell'agricoltura e dei cambiamenti comportamentali ('civiltà') che la seguì. C'è parecchia letteratura (ad esempio Reed 1977), non solo su come l'agricoltura ha cominciato, ma perché. Studi palaeopatologici e studi comparativi mostrano che la salute ha deteriorata nelle popolazioni che hanno adottato l'agricoltura dei cereali. Questo è in gran parte a causa di una diminuzione della qualità alimentare che ha accompagnato l'agricoltura intensiva di cereali.

Cohen (1977:141) ha riassunto il problema chiedendo: 'Se l'agricoltura non prevede né la dieta migliore, né una maggiore affidabilità nella dieta, né maggiore facilità, ma sembra al contrario di fornire una dieta più povera, meno affidabile, con costi del lavoro più grande, perché chiunque farebbe il contadino?

Proprietà farmacologiche di cereali e latte
 
Esorfine
: sostanze oppioidi negli alimenti 
Spinto da un possibile legame tra dieta e malattie mentali, diversi ricercatori alla fine del 1970 hanno iniziato a studiare l'insorgenza di farmaco-simili sostanze in alcuni prodotti alimentari.
 
S
ono stati trovati attività oppioide nel grano, mais e orzo (esorfine), e il latte bovino e umano (casomorfine), ed anche attività stimolante in queste proteine, cosi come in avena, segale e soia. L'esorfina nei cereali è molto più forte della casomorfina bovina, che a sua volta è più forte del casomorfina umano. Ci sono peptide naturale dopaminergici (MIF-1 analogica) nel frumento e latte. (Userò il termine esorfine per coprire esorfine casomorfine, e il MIF-1 analogica.)
 
Gli effetti di esorfine sono qualitativamente lo stesso in quelli prodotti che in altri oppioidi e/o droghe dopaminergiche, cioè: premiazione, motivazione, riduzione di ansia, senso di benessere, e può darsi anche dipendenza. Anche se gli effetti di un pasto tipico sono quantitativamente meno di quelli di queste droghe, la maggioranza degli essere umani provano questi effetti più volte al giorno, tutti giorni della loro vita. Tiene questo in mente la prossima volta qualcuno critica la tua dieta con "un po di tutto e niente in eccesso". Bisogno innanzi tutto determinare cos'è l'eccesso.
 
L
a maggior parte dei farmaci comuni di dipendenza sono o oppioidi (eroina e la morfina ad esempio) o dopaminergici (ad esempio la cocaina e anfetamine), e lavorano attivando centri di ricompensa nel cervello. Quindi possiamo chiedere se questo significa che i cereali e il latte sono chimicamente gratificante? Gli esseri umani sono in qualche modo 'dipendenti' di questi alimenti? Guardando un bambino al seno della mamma, (o al tentato svezzamento) la risposta apparirebbe chiaro. Non ce niente al mondo più attraente di quella latta.
 
S
piegazioni
Se esorfine si trova nel latte di mucca, allora può avere una funzione naturale per le vacche. Questo assicurerebbe che il vitellino non si allontani dalla mamma. Anche per gli essere umani, da un punto di vista evolutivo, sarebbe clamoroso se un neonato non piacesse quello che gli viene offerto da mangiare. Forse dall'altro parte le proprietà calmanti degli oppioidi rende la cura del piccolo più gestibile per la madre. Ma non esiste nessuna funzione naturale per cui gli esseri umani adulti dovranno bere latte. 
 
I
potesi: Esorfine e l'origine dell'agricoltura e civiltà
Ricercatori di esorfine hanno invece cercato senza successo una funzione naturale di esorfine. L'adozione dell'agricoltura di cereali e il conseguente aumento della civiltà non è stato spiegato in maniera soddisfacente, perché i cambiamenti comportamentali sottostanti non hanno alcun ovvio fondamento adattivo.
 
S
econdo Wadley e Martin (Giugno 1993), cereali e latticini non sono naturali alimenti umani, ma piuttosto sono preferite perché contengono esorfine. Questa premiazione chimica è stata l'incentivo per l'adozione dell'agricoltura di cereali nel Neolitico. Il regolare auto-somministrazione di tali sostanze hanno facilitato i cambiamenti comportamentali che hanno portato alla successiva comparsa di civiltà.

Wadley e Martin credono che esorfine abbiano attratto la gente a stabilirsi intorno le coltivazione di cereali, abbandonando il loro stile di vita nomade, e ha permesso loro di mostrare tolleranza, invece di aggressione quando la densità di popolazione è aumentato in queste nuove condizioni. 
 
Il
 fatto che la salute complessiva è diminuita quando i cereali sono stati incorporati nella dieta suggerisce che la loro rapida sostituzione, quasi totale, di altri alimenti è dovuta più alla premiazione chimica che ai motivi nutrizionali
 
I cereali hanno qualità importanti che li differenziano dalla maggior parte delle altre droghe. Sono una fonte di cibo e non solo una droga, e possono essere immagazzinato e trasportato facilmente. Sono ingeriti in frequenti dosi piccole e non ostacolano le prestazioni di lavoro nella maggior parte delle persone. Un desiderio per il farmaco, anche crisi di astinenze, può essere confusa con la fame. Queste caratteristiche rendono i cereali il facilitatore ideale della civiltà (e può aver contribuito al ritardo nel riconoscere le loro proprietà farmacologiche).

Vale la pena notare che la misura in cui i primi gruppi venivano civilizzati è correlato con il tipo di agricoltura che praticavano. Così le civiltà più importanti hanno in comune che le loro popolazioni erano frequenti ingestitori di esorfine. Wadley e Martin propongono che gli grandi stati gerarchici sono stati una conseguenza naturale tra le popolazioni del genere.

Civiltà sorse perché esisteva un'affidabile disponibilità di oppioidi alimentari cambiando il comportamento degli individui, riducendo l'aggressività, e ha permesso loro di diventare tolleranti di una vita sedentaria a folti gruppi, per svolgere un lavoro regolare, e per essere più facilmente soggiogato dai governanti. Due classi socio-economiche emerse dove prima vi era stata solo una (Johnson & Earle 1987:270), stabilendo così un modello che è stato diffuso da allora.

E ci da caso che sono le agenzie governative a suggerire il consumo predominante di cereale e la grande industria a promuoverlo e trarre profitti.
Adesso si capisce come mai è cosi difficile per molti astenere dalla loro pasta. 

Nessun commento: